facebook
pinterest
instagram

pinterest
instagram

 

Cogliamo l'ironia della vita,
cercando la felicità laddove è nascosta,
mangiando cibo in grandi quantità, 
ma esplorando anche le città più piccole.

THE TRAVELLING TALE

Scozia on the road

10-11-2020 14:34

The Travelling Tale

Scozia cds, scozia , ontheroad, thetravellingtale,

Scozia on the road

Due notti e tre giorni

Le nostre tappe

Premessa: le tempestiche dipenono molto dalle vostre modalità di viaggio, se siete persone che preferiscono prendersi le cose con calma oppure vedere più cose possibili in assoluto, noi rinetriamo in questa seconda categoria.
Passo passo vi poteremo con noi in questo viaggio, quindi bando le ciance ed iniziamo! 

 

GIORNO 1:

 

La partenza è stata dall’aeroporto di Edimburgo dove abbiamo prenotato la nostra macchinina, da questo sito, fedele amica in questo viaggio, se siete curiosi trovate un mini-articolo “guidare a sinistra, aiutoo!” e alcune storie di Instagram qui.

 

Siamo partiti nel tardo pomeriggio e così abbiamo deciso di saltare le prime tappe e recarci al nostro albergo ad Aberdeen, ma sulla strada vi segnaliamo i posti assolutamente da vedere!

 

Vi conigliamo : L'abbazia di Arbroath ed il suo porto dove potrete gustare un ottimo fish and chips (se non verrete spazzati via dal vento) inoltre è famoso per la pesca di aragoste, e le potrete assaggiarle. 

 

La strada per Aberdeen, almeno quella che abbiamo percorso noi è strepitosa, la parte iniziale è semplice autostrada ma la restante è immersa nelle montagne, una stradina (asfaltata) nel verde più totale, essendo autunno per noi era nel foliage.

 

dsc0019-1604837553.jpgdsc0011-01-1604839376.jpeg

NB: caricate le mappe prima, lì non c’è connessione!!


Da qui potrete recarvi a Craigievar Castle, noi lo abbiamo visto la mattina presto del giorno seguente, ma se foste durante il giorno vi conviene andarci, è prima di Aberdeen.


Questo castello è famoso per il suo colore rosa, rendendolo così una perfetta location delle favole.

dsc00561-1604837965.jpgimg20201017105455-01-1604838048.jpgimg20201017110439-1604839041.jpg

Qualche consiglio: ci sono due strade per arrivarci, una delle due è chiusa, poiché passa all’interno di una proprietà privata, ma Maps ve la segna ugualmente.

L’altra invece è segnalata e all’inizio del vialetto troverete l’insegna del castello.


Purtroppo, causa Covid, l’interno non è visitabile, ma vale assolutamente la pena vederlo e scattare qualche foto da principesse e principi.

(Non come nel nostro caso, visto che siamo restii al fotografare noi stessi).
 

Aberdeen: è stata la nostra scelta per la notte, poiché è una città più grande della altre e vi sono molti alberghi ed ostelli.

Noi abbiamo alloggiato presso Sure Hotel by best Westner.
L’albergo normalmente offre bar e ristorazione, ma visto il periodo non era possibile usufruire del servizio.
Parliamoci chiaramente, non è l’albergo migliore al mondo soprattutto in termini di pulizia, ci aspettavamo decisamente di più. La nostra stanza aveva anche una piccola cucina ed il personale era molto gentile.
La posizione è comoda, sotto casa vi sono alcuni fast food, unica cosa aperta durante il Covid dopo le 18, noi infatti abbiamo optato per "Papa John's".
L'albergo non ha un parcheggio privato, ma ve ne è uno enorme accanto. 

 

GIORNO 2:

 

Ricordatevi che per noi il gionro è iniziato con il Craigievar Castle.

 

A seconda della stagione in cui andrete valutate se inserire o meno questa tappa : Bullers of Buchan.

Questa tappa vi allungherà la strada ma se foste in estate vi consigliamo assolutamente di andarci, su queste maestose scogliere potrete ammirare i Puffin, ossia pulcianelle di mare, simpatici uccelli che durante la stagione estiva tornano a riva, normalmente si trovano sulle isole, invece con questa tappa li vedrete dalla terra ferma.. Sono veramente carini!

53e2d7404a57a914f1dc84609629357b1636dfed544c704f752a7bd4934ac350640-1605004782.jpg

Questa foto non è nostra (purtroppo) è presa da :Pixabay

Ora ci spostiamo verso Inverness, la natura ci regala l'avvisatamento di ben 4 arcobaleni, di cui uno completo.

dsc0143-1604841825.JPG

Facciamo tappa a Old Packhorse Bridge, un bellissimo ponte antico in pietra, dove in passato veniva fatto passare il bestiame.

È davvero suggestivo, basta posteggiare a bordo strada o dal benzinaio davanti e ammirare lo spettacolo!

dsc0156-1604842491.jpgdsc0175-02-1605004281.jpegdsc0155-1605004103.jpg

Una volta rimessi in marcia ci dirigiamo a Inverness la capitale delle Highlands scozzesi, è una grande città piena di vita, ma quello che interessava a noi era recarci sul famoso ed osannato lago di Loch Ness, nella speranza di veder spuntare Nessie.

dsc0188-1605005617.jpg

Abbiamo deciso di costeggiare il lago dal lato del Castello di Urquhat, molto carino e suggestivo.

dsc0199-01-1605005494.jpeg

L’ingresso è di £9.60 e permette il giro del castello e della zona circostante, che si affaccia sul lago.

Controllate gli orari di apertura, spesso seguono la stagionalità.

Volendo si può aggiungere una breve fermata presso il Loch Ness centre & Exhibition, noi non lo abbiamo visitato, ma diverse persone ci hanno detto che è molto carino; con tante attività per bambini e da lì potrete prenotare anche diverse esperienze, come quella della crociera sul lago. Vi è anche un grande negozio di souvenirs. 
Potrete prenotare l’ingresso direttamente da qui.

 

Un punto che vi consigliamo caldamente è il : Loch Ness View Point di Fort Augustus, dista davvero pochi minuti dalle tappe precedenti.

img20201017170115-1605006418.jpgdsc0246-1605006267.jpgdsc02552-1605006193.jpg
img20201017165735-1605006168.jpg

Il lago di Loch Ness, almeno per noi non è sicuramente il lago più bello della Scozia, seppur il più famoso. 

Un'accortezza che ci sentiamo davvero di darvi è quella di coprirvi bene, questa è stata in assoluto la tappa dove più abbiamo patito il freddo; il vento tira fortissimo ed è molto tagliente, quindi ricordatevi di vestirvi adeguatamente. trovate alcuni dei nostri accessori in questo articolo.

L'accesso a questo view point è gratuito, bisogna solo lasciare l'auto all'inizio della strada, oltre a questo vi è anche un secondo view point a pochi metri dove vi è un piccolo ristorante. 
In generale Fort Augustus è molto carino e pittoresco. 

img202010171541351-1605009923.jpg

Non possiamo non mostrarvi l’acquisto del quale siamo più fieri in assoluto, la nostra Cowpilota: Nessie!

Si, è stata chiamata così per confonderle un po' le idee.

Sulla strada abbiamo fatto l'incontro che Elena aspettava dal giorno stesso in cui ha scoperto che Pio si sarebbe trasferito in Scozia. 
Sarà stata la presenza di Nessie a portare fortuna o il fato, quando finalmente in un campo verdeggiante vediamo LORO. 

Le famosissime (e bellissime, se pensate il contrario uscite subito dall'articolo 😉) mucche scozzesi. 

dsc0229-01-1605046275.jpeg

Ora ci spostiamo verso Glenfinnan, dove potrete ammirare il viadotto famosissimo poiché inquadrato nelle scene di Harry Potter. Vedrete passare l' Hogwarts Express e sbuffare vapore alle 10:58 di ogni giorno.

Il vero nome di questo treno è Jacobite, se volete prenderlo vi consigliamo di fare i biglietti in anticipo di qualche settimana, si esauriscono molto facilmente. Potete farlo direttamente da qui
Per arrivare al punto panoramico dovrete parcheggiare davanti alla Chiesa di Saint Finnan & Saint Mary, poiché la strada per arrivarci è privata. Da lì vi aspettano 20 minuti di camminata;
la passeggiata non è particolarmente faticosa, una parte è asfaltata e l’altra è su un sentierino indicato.
Quando arriverete al punto panoramico non potrete che rimanere a bocca aperta.

img20201017183826-01-1605007891.jpg

Noi lo abbiamo visto al tramonto, quindi senza treno, ma vale davvero una visita a prescindere dall’ora.
NB: è possibile inserirlo il giorno seguente, poiché una tappa che faremo la mattina è molto vicina.

 

Ci siamo poi recati al nostro alloggio a Fort William.
Abbiamo alloggiato in un ostello il Berkeley Guest House avevamo camera e bagno privati e per entrare viene inviato un codice apriporta. Molto carino e pulito, è dotato di parcheggio privato per gli ospiti.


Fort Williams è una città davvero carina, il centro è ben tenuto e cosparso di statue.

Vi sono anche diversi ristoranti davvero ben recensiti, purtroppo per noi, causa Covid, erano tutti chiusi.
Ci pregustavamo una super cenetta a base di pesce maa.. abbiamo dovuto ripiegare sull’unico posto che facesse consegna a domicilio, e nulla, faceva davvero schifo.(tanto)
Vi citiamo però i due che hanno consigliato a noi: Ben Nevis Inn (dovrete percorrere una stradina davvero in mezzo al nulla per raggiungerlo) e Crannog Seaefood Restaurant.

img20201017200255-1605008399.jpgimg20201017200749-1605008454.jpg

GIORNO 3:

Con una sveglia molto mattiniera ci siamo recati ad Eilean na Moine, per raggiungerla supererete il viadotto, ecco perché potreste inserirlo nella stessa giornata.


Per gli amanti di Harry Potter non servono presentazioni, poiché è il luogo nel quale è stato sepolto Silente e Voldemort si reca alla sua tomba per sottrargli la bacchetta di sambuco.

dsc0317-01-1605008869.jpegdsc03231-1605008820.jpg

È una piccola isoletta all’interno di un lago, è molto suggestiva poiché su di essa si stagliano alti alberi che si riflettono nell’acqua.
Il paesaggio circostante è bellissimo, se siete amanti della natura, anche solo per il viaggio ne varrà assolutamente la pena.
Sarete circondati da mille colori e montagne che si stagliano contro le nuvole e la nebbiolina.

 

Tornerete poi verso Fort William dove potrete decidere di recarvi al Cow Hill view point, sarete immersi nella montagna e avrete un bellissimo scorcio del lago sottostante.
Cosa non da poco, potrete vedere tantissime pecore e le famose mucche scozzesi!

dsc0441-1605010168.jpgdsc0405-1605010210.jpg

Per Elena, questo è stato l'apice del viaggio, o meglio, per Elena l'apice del viaggio è ogni qual volta si incontri un animale. 

Andiamo ora verso la tappa che più abbiamo amato: Glencoe!

dsc0536-01-1605010677.jpeg

Qui la natura fa ancor di più da padrona, troverete montagne variopinte e cascate bellissime.
Inoltre, vi troverete nella esatta location dove durante il film sorgeva la capanna di Hagrid!
Quando vi recherete in questo bellissimo parco potrete pranzare o alloggiare presso Clachaig Inn.
Vi consigliamo davvero di parcheggiare l’auto e fare una bellissima passeggiata.

Ci rimettiamo in auto e attraversiamo delle zone incantate, piene di percorsi escursionistici, uno dei punti più belli in assoluto è lo scorcio su: glencoe three sisters dove appaiono le tre motagne insieme, è pieno di aree a bordo strada dove ammirare lo spettacolo! Questo è un luogo che sicuramemte non dimenticheremo mai.

img20201018143052-1605012168.jpg2020-10-19-14-01-35-629-1605012095.jpg

Proseguiamo per andare verso la nostra prossima tappa: Loch Awe, in particolar modo il castello di Kilchurn.
Sulla strada incontrerete il Rannoch Moor viewpoint , fermatevi e ammirate tutto ciò che vi circonda ed ancora una volta amanti di Harry Potter, questa è un’altra location imperdibile.

dsc0556-1605012626.jpg

Arrivati al Castello di Kilchurn parcheggerete la macchina e dovrete camminare per raggiungere il castello, quando siamo andati noi pioveva, una pioggerella leggera ma ci ha completamente inzuppati e le scarpe si sono completamente immerse nel fango, ma la vista che si apre davanti è incredibile, il castello che si specchia nel lago tutto incorniciato dai colori dell’autunno è una di quelle cose che difficilmente dimenticheremo.

dsc0654-1605012721.jpg

Il nostro viaggio sta giungendo al termine, per la strada verso l’aeroporto abbiamo scelto di inserire Glen Croe, altro parco incredibile con moltissimi punti panoramici.
Infine Conic Hill, noi siamo arrivati a sole già tramontato, perciò abbiamo deciso di tornare verso Edimburgo.

(Qui non è possibile entrare in auto quindi preparatevi a camminare un pochino).

dsc0703-1605012987.JPG2020-11-10-13-59-17-359-1605013266.jpgdsc0694-1605013475.JPG

📍Queste foto sono tutte del view point di Glen Croe 

dsc06691-1605047774.jpg

Potreste fare una breve tappa ad Inveraray, c’è un bellissimo castello e gli scorci sul lago sono entusiasmanti e a 360°, noi ci siamo solo passati in auto senza fare una sosta, ma è davvero suggestiva.

Torniamo così ad Edimburgo, stanchi morti ma felici.

 

Per gli amanti della natura la Scozia intera è un paradiso, pecore che pascolano, montoni, pianure verdi sterminate. Per raggiugere ognuno dei luoghi che vi abbiamo citato, la cosa più bella è senza dubbio la strada.

Vi troverete a guidare nella natura più completa, ogni metro sarà una scoperta, i paesaggi cambiano alle velocità della luce, oltre alle cose da vedere nel per sé, godetevi il viaggio!

 

Se avete più giorni potete aggiungere:

 

  • Pentland Hills Regional Park
  • Abbazia di Arbroath ed il suo porto
  • Hazled Park
  • Bullers of Buchan
  • Loch Shiel
  • Steal Waterfall
  • Loch Etive
  • Glen Etive
  • Inveraray
  • Conic Hill

 

Si trovano tutte sul percorso!

 

Uh, quasi dimenticavamo, qualche ultimo consiglio!!✨ 

 

🔹Una buona ragione per prendere la macchina: in Scozia non abbiamo trovato caselli, l'autostrada è libera, quindi oltre al costo di benzina e auto non ne avrete altri. 

🔹Il tramonto nel mese di Ottobre è circa alle 18, ed in poco tempo sarà buio, perciò calcolate bene le vostre tappe includendo questo dato.
Le strade sono quasi tutte di campagna in questo tragitto al di fuori delle grandi città, perciò non sono illuminate. 


Sul nostro profilo trovate tante altre foto e curiosità

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder